Siamo arrivati al giro di boa del 2017 e l'Avis Ossolana dà i numeri della propria attività: le donazioni effettuate sono state 3.603; di queste sacche prodotte il 50 % viene destinato nel presidio ospedaliero di Domodossola il 40% al presidio ospedaliero di Novara mentre il restante 10% viene inviato in Sardegna con una media di 11 sacche a settimana per combattere la talassemia mediterranea. Ma la nostra sezione è anche intervenuta nell'emergenza sangue del Lazio e di Roma in particolare modo inviando 20 sacche a settimana dai primi di settembre e contribuendo in tal modo a fronteggiare l’emergenza dovuto alla zanzara responsabile della malaria. Nonostante le limitazioni poste dalla presenza del West Nile Virus la buona compagine di donatori (attualmente di 3693 attivi) ha permesso di non perdere il passo sulle donazioni mantenendo una media di 20 al giorno per 5 giorni a settimana. L'applicazione da sempre della metodologia della chiamata diretta (quindi solo dei gruppi necessari ogni giorno) e della prima donazione differita (l'iscritto viene prima visitato e effettuate le analisi e successivamente nel giro di una settimana circa se idoneo chiamato ad effettuare la prima donazione) ci pone a livelli di eccellenza nazionale e ha sempre evitato lo spreco con risultati eccezionali pari al 99% di sacche utilizzate. Questi traguardi che si concretizzeranno in cifre maggiori a fine anno sono possibili principalmente alla fedeltà dei nostri donatori (sempre in crescendo per numero di iscrizioni) che ringraziamo ogni giorno in quanto senza di loro l'Avis stessa non esisterebbe.
La segreteria Avis Ossolana

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.